salta ai contenuti
 
 
 

Progetto

 

INTRODUZIONE AL PROGETTO

 

Bologna è “capitale” per la qualità dei propri servizi sociali e sanitari, per l'attenzione alle tematiche del benessere degli individui e del diritto alla salute di tutti.

 

La storia della nostra città è caratterizzata dalla qualità dell’innovazione e della ricerca nella sanità e nei servizi sociali e educativi, dalla scelta inclusiva, universalistica e dall’attenzione prestata in particolare alla protezione e all’integrazione sociale dei soggetti più deboli: i disabili, i portatori di disagio psichico, gli anziani non autosufficienti.
In questa storia “di eccellenza” accanto alle Istituzioni hanno svolto un ruolo molto importante le associazioni, il volontariato, la cooperazione sociale, che sono stati fattori decisivi di qualità e di coesione sociale per il nostro territorio.

 

É in questo contesto che si è sviluppata nel tempo una ricerca orientata all’utilizzo dei linguaggi creativi del teatro, della musica, delle arti figurative come opportunità innovative di socializzazione, integrazione: forme espressive e dunque di cittadinanza a disposizione di tutti e soprattutto dei più deboli, emarginati o esclusi. Molte esperienze possono essere “censite” nella città e nel territorio metropolitano.
Associazioni in campo sociale e culturale, volontariato, istituzioni in rete sono protagonisti di questa vasta progettazione sociale e culturale, che ha forte propensione all‘innovazione e alla ricerca, dotandosi, di volta in volta, dell’apporto dell’Università e della collaborazione con le Istituzioni culturali della città e con i professionisti della Sanità.

 

Alcune di queste esperienze, soprattutto in campo teatrale, hanno ormai una storia consolidata e una qualità riconosciuta a livello nazionale ed europeo. Sono queste esperienze che ci dimostrano come le ricerche artistiche applicate al sociale possono conseguire risultati estetici significativi ed entrare a far parte dei circuiti “ufficiali” portandovi nuovi prodotti e nuovi linguaggi.
Le Molteplici Arti applicate al sociale possono costruire welfare (benessere, inclusione) e fare cultura, rivolgersi a nuovi pubblici, educando nuovi spettatori ad apprezzare sia valori estetici, sia valori umani e sociali di solidarietà e inclusione.

 

Bologna e il suo territorio provinciale possono dunque proporsi di coltivare questa rete di molteplici arti applicate al welfare, valorizzando le eccellenze e dotandosi di un’infrastruttura costruita a partire dalla rete di istituzioni, associazioni e realtà produttive già impegnate in questo campo.
Molteplici arti per un nuovo welfare più inclusivo e innovativo può essere uno dei tratti identitari della Bologna del 2021.

 

La proposta progettuale è incentrata sulla creazione di una Community delle Molteplici Arti   per la produzione, ricerca e sperimentazione di forme artistiche di interazione sociale, dove cultura e arte siano strettamente coniugate con solidarietà e promozione del benessere.
Alcune esperienze, nate nella nostra città e nell’area metropolitana, di “teatro di interazione sociale” che coinvolgono persone in situazione di disagio, vulnerabilità, esclusione sociale rappresentano già realtà consolidate dal punto di vista sia qualitativo sia organizzativo, centri di produzione dotati di molteplici relazioni con associazioni e istituzioni della città.
Queste esperienze si caratterizzano per essere espressione di un teatro, dotato non solo di valenza terapeutica, ma anche di valenza etica ed estetica, capace cioè di creare valore sensibilizzando la collettività sui temi dell'emarginazione e di creare bellezza in quanto vero e proprio prodotto artistico - culturale.

 

Tra le esperienze più significative si segnalano quelle dell'Associazione "Arte e Salute", Teatro del Pratello società cooperativa sociale, Istituzione Gian Franco Minguzzi, Rete provinciale dei Teatri solidali, Fondazione Teatro Comunale di Bologna, Università Primo Levi, Accademia di Belle Arti Bologna, Associazione Hamelin.

 

 

Scheda sintetica del Progetto (148 KB)

 

 

Istituzione Gian Franco Minguzzi - Via S.Isaia, 90 40123 Bologna
Telefono 051 528 8511 - Fax 051 521268
e-mail: minguzzi@cittametropolitana.bo.it

 
torna ai contenuti torna all'inizio